I vini rossi da (A) mare

Nov 10 , 2021

0 Commenti

Valeria Cristiano

I vini rossi da (A) mare

Chi lo ha detto che di rosso in un pranzo di mare può essere solo il pesce?  Ecco qualche regola e soprattutto qualche bottiglia per sperimentare che il vino rosso con il pesce a volte può rappresentare l’abbinamento perfetto!

Spazio ai vini rossi allora non solo per le preparazioni dalla lunga cottura, ma anche per le ricette più semplici insaporite da odori e spezie che giustificano un abbinamento che fino a poco tempo fa era considerato un’eresia.

Naturalmente, bisogna, però, procedere con logica.

Anzitutto scegliete sempre vini rossi, che non siano di lungo invecchiamento e che mantengano un certo livello di acidità (che, dunque, varrà a regalarvi una certa freschezza al palato) e che siano poco tannici. Queste le regole generali. E se pensate che la scelta si restringa a pochi vini vi sbagliate: è così vasto il panorama dei vini rossi giovani e freschi che avrete solo l’imbarazzo della scelta: dalla Schiava, al Pinot Nero, alla Barbera, al Nerello Mascalese. Insomma potreste divertirvi in un giro in lungo e in largo di tutta l’Europa alla ricerca del vino ideale.

E una volta scelto, l’unica regola ferrea è dettata dalla temperatura di servizio: versate il vino tra 8-10° così da raggiungere, nel calice, la temperatura ottimale dopo qualche minuto ed esaltare le note più fresche del vino.

Bene! E allora se vi va di sperimentare ecco alcune nostre proposte che stimoleranno la vostra curiosità.

 

Schiava Alto Adige DOC 2017 Reyter     

Può un rosso di montagna accompagnare un piatto di mare? Quando si tratta di una Schiava di Reyter senza dubbio si!  Fragrante e speziato è il suo naso e la sua beva diventa corroborante grazie a un sorso leggiadro e dinamico. Osate e versatelo nel calice a 10 °C al massimo.

 

"Principio" Maremma Ciliegiolo IGT 2019 Antonio Camillo

Il Ciliegiolo in versione semplice che profuma di amarene e che diventa il compagno perfetto per zuppe di pesce dal sapore deciso grazie a un sorso succoso e fresco e una progressione tannica perfettamente integrata.  Anche in questo caso, giocate con le temperature e servitelo fresco, sui 12 °C al massimo.


Lascia un commento

Nota: i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati