"Cesco di Nece" Aglianico Sannio DOC 2017 Mustilli


Mustilli

"Cesco di Nece" Aglianico Sannio DOC 2017 Mustilli


Mustilli

-
+
€18,02 €21,20
Risparmi il 15%

Vino rosso

4 Disponibile

Bibenda:
2015
1 1 1 1 2 Guida Bibenda: Annata 2015 4 Grappoli, Vini da 85 a 90 centesimi, Vino di grande livello e spiccato pregio"
Denominazione: Aglianico Sannio DOC
Annata: 2017
Regione: Campania
Tipologia: Rosso
Vitigni: Aglianico 100%
Colore: Rosso rubino scarico
Profumo: Naso Speziato con note di violette e marasca
Gusto: Al palato è avvolgente con potenza, sapidità, tannino prepotente, caldo in bocca
Gradazione: 13%
Temperatura di Servizio:
16-18°C
Formato: Bottiglia 75 cl
Vigneti: Allevamento a Guyot, densità bassa per ettaro, terreno argilloso, vulcanico, sabbioso
Vinificazione: Fermentazione in acciaio per diverse settimane, 12 mesi di barrique
Affinamento: 6 mesi in bottiglia prima di andare in commercio
Filosofia Produttiva:
Vini Biologici

Nell'area del Sannio esposta a Sud Ovest, nel comune di Sant'Agata dei Goti, sorge il vigneto dal quale l'azienda i Mustilli raccoglie l'uva Aglianico per il suo vino "Cesco di Nece". Il vigneto Cesco di Nece si estende per circa 3 ettari, viene allevato a guyot, e si trova ad un'altitudine di circa 250 m s.l.m., su un suolo calcareo, vulcanico e ricco di argilla.
Vino rosso dal carattere schietto e sincero, rappresenta benissimo il terroir da cui proviene. Il suo colore rosso rubino ha delle sfumature che ricordano il granato. Il profumo intenso di fiori di viola e di confettura di frutta a polpa scura come la marasca, accompagna poi verso note speziate l'olfatto. Il sorso sapido, dal tannino ben integrato regala morbidezza alla sensazione tattile. Questo Aglianico in purezza unisce sapidità, potenza e prontezza di beva. Disarmante nei suoi 14%, un rosso completo, da tutto pasto, dove al naso ed al palato è un continuo susseguirsi di rivelazioni tutte beneventane.

Vigna Campania

Il territorio campano è particolarmente vocato alla vinificazione, se poi andiamo nel Sannio, la certezza di bere un buon vino è pura realtà. Nel meraviglioso territorio del Sannio si trova una storica cantina: Mustilli. Mustilli prende atto dell'estremo potenziale della falanghina in primis e con lei inizia la sua storia di viticoltura nel 1979 con la prima bottiglia di falanghina al mondo, anche se è nel 1700 che Cesare Mustilli piantò il primo vigneto sulla collina Santacroce. Oggi al timone ci sono Paola e Anna Chiara, figlie di Leonardo Mustilli, considerato quasi il padre, lo scopritore dell'uva Falanghina.

Vedi produttore

Melanzane a funghetto

Melanzane a funghetto

Tagliatelle al ragù

Tagliatelle al ragù

Costine di maiale alla brace

Costine di maiale alla brace