"Encry Millésime 2013" Brut Grand Cru Blanc de Blancs Encry


Encry

"Encry Millésime 2013" Brut Grand Cru Blanc de Blancs Encry


Encry

-
+
€77,00

Champagne

3 Disponibile

Denominazione: "Encry Millésime 2013" Brut Grand Cru Blanc de Blancs Encry
Annata: 2013
Regione: Francia, Champagne
Tipologia: Champagne
Vitigni: 100% Chardonnay
Colore: Tenue giallo dorato, brillante, dal perlage fine e persistente
Profumo: Ampio bouquet di fiori spontanei come la margherita, di frutti a polpa gialla/arancione, come la pesca, l'albicocca, per poi passare a note tostate di frutta secca
Gusto: Croccante, riempie il palato con un sorso fresco, sapido e minerale
Gradazione: 12%
Temperatura di Servizio:
6/8°C
Formato: Bottiglia 75 cl
Vigneti: Chardonnay allevato nel villaggio Le Mesnil-sur-Oger su suoli ricchi di calcite
Vinificazione: Pressatura nella "Coquard", prima fermentazione in acciaio a 18-20 °C, seconda fermentazione in bottiglia sui lieviti
Affinamento: Affinamento per almeno 60 mesi, senza aggiunta del liqueur d'expédition mantiene un basso zuccherino (<1g/l)
Filosofia Produttiva:
Vino biodinamico

Uve 100% Chardonnay dai vigneti nel villaggio Le Mesnil-sur-Oger, uno dei 17 Grand Crus, nella Côte des Blancs, a Reims. Il 2013 è stato caratterizzato da una primavera fresca con diverse precipitazioni e da un'estate calda e secca, con piogge fino a settembre, che hanno portato a posticipare la vendemmia a metà ottobre. La vinificazione prevede la prima fermentazione in acciaio a temperatura controllata (18-20 °C), e la seconda fermentazione in bottiglia sui lieviti per almeno 60 mesi. Il Remuage è manuale mentre le bottiglie si trovano ancora sulle pupitre, e la sboccatura è alla voleè. Il residuo zuccherino è molto basso (<1g/l) in quanto non si aggiunge il liqueur d'expédition.
Al calice il vino è di un colore dorato tenue, brillante e mantiene un perlage fine e persistente. Al naso c'è un ampio bouquet di sentori, dai fiori come la margherita, la camomilla, alla frutta a polpa gialla/arancione come l'albicocca, la pesca, la nespola, ma si percepiscono anche profumi di frutta tropicale come il mango, fino ad arrivare a note tostate di frutta secca ma anche di caffè. In bocca il vino esplode con questo suo carattere quasi austero, che però rimanda subito ad una croccantezza piacevole e interessante, finendo poi con una percezione di freschezza, sapidità e mineralità tipica dei terreni gessosi di Champagne.

La sorpresa sta nello scoprire che dietro questo Champagne e quindi dietro la Maison, c‘è la mano, la mente e il cuore di un italiano, anzi di due italiani, marito e moglie, Enrico Baldin e Nadia Nicoli. Il primo a trovarsi in Champagne per ragioni di lavoro fu Enrico, ingegnere naturalistico devoto al ripristino ambientale, che ha contribuito, nei territori prima di viticoltura toscana e poi in quelli di Champagne, a realizzare dei sistemi di "idrosemina" chepermettevano una maggiore ossigenazione alle radici della vite, grazie all'applicazione nel terreno di un mix di prodotti naturali (sementi, etc). Sulla scia del naturale vi è anche tutto ciò che concerne l'allevamento e la produzione degli Champagne di Ecry, indirizzandosi così verso una filosofia produttiva biodinamica.
Vedi produttore

Bruschetta al tartufo e caciocavallo

Risotto ai funghi porcini

Pollo arrosto

Prodotti visti recentemente