Fleurie AOC "La Dot" 2018 Clos de Mez


Clos de Mez

Fleurie AOC "La Dot" 2018 Clos de Mez


Clos de Mez

-
+
€24,50

Vino rosso

5 Disponibile

Denominazione: Fleurie AOC "La Dot" 2018 Clos de Mez
Annata: 2018
Regione: Francia, Beaujolais
Tipologia: Rosso
Vitigni: Gamay 100%
Colore: Rosso rubino di buona fittezza e dai vivaci riflessi
Profumo: Bouquet di note floreali e di frutta rossa che si fondono a piacevoli note di confettura
Gusto: Dinamico, di notevole freschezza, morbido
Gradazione: 13,5%
Temperatura di Servizio:
16/18°C
Formato: Bottiglia 75 cl
Vigneti: Terreno composto prevalentemente da granito rosa
Vinificazione: Pressatura a grappolo intero e fermentazione in acciaio
Affinamento: 50% di affinamento in barrique e 50% in acciaio
Filosofia Produttiva:
Vino biologico

Il Fleurie AOC "La Dot" 2018 nasce da uve di proprietà dell'azienda, provenienti dall'omonimo vigneto situato appunto nella prestigiosa zona di Fleurie, le cui uve sono attentamente selezionate e vendemmiate a mano. Sono vecchie viti di Gamay di circa 50 anni allevate ancora secondo gli schemi dell'antica tradizione contadina e vinificate secondo lo stampo borgognone, quindi a grappolo intero. La fermentazione avviene in acciaio e dopodiché il 50% del vino viene trasferito in botti di legno per 10 mesi, mentre l'altra metà affina sulle fecce fini all'interno degli stessi serbatoi utilizzati per la fermentazione.
Il Fleurie AOC "La Dot" di Clos de Mez è superbo! E forse alcun altro aggettivo sarebbe sufficiente. Se al momento della degustazione gli occhi sorridono, allora questo è sintomo e segno che il produttore ha raggiunto il suo obiettivo, entrare nel cuore di chi sta bevendo una sua bottiglia. La Dot di Clos de Mez è un carico rosso rubino di buona consistenza, come mostrano le roteazioni al calice. In una roteazione che poi sprigiona un piccolo cesto di bacche rosse e lamponi, poi l'iris, la violetta e la rosa canina assumono connotazione femminee e longilinee che rimandano ad una sensazione di finezza ed eleganza olfattiva, mentre le croccanti note di frutti rossi valgono a rallegrare e stuzzicare l'intero spettro olfattivo. Nel suo sorso c'è una concentrazione del frutto tanto spontaneo quanto profondo. La bevuta si fa polposa, quanto agile. E il dinamismo è garantito da una buona componente tanto acida quanto sapida. Equilibrio e bevibilità senza eguali!

Vigna Francia

Aveva quindici anni Marie-Élodie Zighera quando decise di lasciare la città per continuare a scrivere quelle pagine di vita iniziate dai suoi antenati, lì in quell'angolo incontaminato del Beaujolais, fuori dall'abitato di Fleurie. Un angolo diventato ormai o per fortuna famoso grazie alla celeberrima collina della "Chapelle de la Madone" che svetta sulle vigne di Clos de Mez. Il nome di questo Domaine assume un doppio significato, potrebbe derivare dall'antico francese "meix" che significa "case coloniche". E in questo lembo di terra di dimore rurali oggi ce ne sono poche, ma quella di Marie c'è ancora ed è costruita con quelle stesse pietre di cui si compone anche la terra e con essa le viti. Oppure, più semplicemente è l'acronimo di Marie-Élodie Zighera "M.E.Z." Sono viti che crescono nelle parcelle più prestigiose della zona, una a Morgon con viti di oltre 80 anni, una a Fleurie le cui viti hanno almeno 50 anni. Va da sé che in entrambi i vigneti le rese sono bassissime, ma al pari ciò garantisce una magnifica qualità del frutto.
Eppure la storia di questa azienda è relativamente recente, era il 2006 quando Marie dopo tanti anni di conferimento delle sue uve alle cooperative sociali ha deciso di regalare al mondo la sua personale filosofia, che profuma di cose antiche più che di innovazione. La sua filosofia guarda sempre agli insegnamenti del passato piuttosto che alle moderne pratiche enologiche. Segno e frutto anche delle tante esperienze acquisite nel passato. Marie, infatti, ha lavorato in diversi Domaine sia in Beaujolais che in Côtes du Rhône, per terminare poi nella Côte de Nuits. Ed è stato proprio lì che durante una vinificazione del Clos Vougeot, invitata una sera ad una degustazione di vecchie annate di Gamay ne ha avvertito ancor di più il potenziale. E ha deciso di iniziare la sua personale produzione. Ed oggi produce tre referenze di cui due sono vinificate ispirandosi alla Borgogna, dunque con fermentazioni a grappolo intero, solo "Mademoiselle M" è invece frutto di macerazione semicarbonica, lo stile quasi inconfondibile del Beaujolais, e proviene da un bel vigneto di Fleurie vicino alla cantina. In tutte e tre le referenze è, però, possibile trovare un minimo comune denominatore: energia gustativa e complessità olfattiva giocano e danzano all'unisono in ogni bottiglia prodotta da Marie. Unica pecca è l'esigua produzione, ma unico ed inestimabile tesoro è la fortuna di avere almeno una bottiglia di Clos de Mez in cantina.

Caciocavallo silano DOP e provolone DOP

Caciocavallo silano DOP e provolone DOP

 Risotto ai funghi

Risotto ai funghi

Capretto al forno con patate e piselli

Capretto al forno con patate e piselli

Prodotti visti recentemente