"Morei" Teroldego IGT Vigneti delle Dolomiti 2019 Foradori


Elisabetta Foradori

"Morei" Teroldego IGT Vigneti delle Dolomiti 2019 Foradori


Elisabetta Foradori

-
+
€28,00

Vino rosso

5 Disponibile

Denominazione: "Morei" Teroldego IGT Vigneti delle Dolomiti 2019 Foradori
Annata: 2019
Regione: Trentino Alto Adige, Dolomiti
Tipologia: Rosso
Vitigni: Teroldego 100%
Colore: Rosso rubino intenso e fitto
Profumo: Profumi floreali intensi, ricchi di mora selvatica e mirtilli
Gusto: Morbido, buona spinta fresco-tannica e di buona persistenza
Gradazione: 12,5%
Temperatura di Servizio:
16/18°C
Formato: Bottiglia 75 cl
Vigneti: Vigne di c.a 30 anni allevate a guyot su terreno alluvionale con presenza di ciottoli
Vinificazione: Diraspatura delicata senza pigiatura, fermentazione spontanea
Affinamento: Affinamento a contatto con le bucce in tinajas (anfore) dai 350 ai 450 litri per 9 mesi, assemblaggio e decantazione in vasche di cemento dai 15 ai 40 hl fino all'imbottigliamento
Filosofia Produttiva:
Vino biologico - Certificato Demeter

Il Teroldego "Morei" è un vino "identitario", nasce da una sola vigna che dà anche il nome all'etichetta, Morei appunto, ed è un vino "lento" che vinifica molto pigramente in anfore di terracotta con macerazione sulle bucce prolungata fino a 8 mesi. Le anfore sono le famose "tinajas" spagnole. Questo metodo produttivo conferisce al vino un intensa mineralità e freschezza e un ventaglio molto ampio di aromi. Successivamente affina alcuni mesi in vasche di cemento.
Il Teroldego "Morei" è un intenso e compatto rosso rubino con un profilo autorevole e originale: la frutta in questo caso è scura e ricorda la mora e il mirtillo, portandosi dietro anche tutta quella parte di sottobosco che riporta alla terra. Il sorso presenta una fitta trama tannica e con intense e quanto mai percettibili al palato, sfumature minerali. Vino pieno vitale e gustoso.

Foradori si trova a Mezzolombardo, tra le montagne del Trentino, e coltiva principalmente Teroldego e Pinot Grigio nei suoli alluvionali del Campo Rotaliano; Nosiola e Manzoni Bianco sulle colline argilloso-calcaree di Cognola. La sua tenuta di famiglia è stata fondata lì nel 1901 in un terroir eccezionale. La viticoltura sostenuta da Elisabetta Foradori è profondamente radicata nei suoi principi di vita, biodiversità ed energia, con la biodinamica che influenza fortemente le sue opinioni su quest'ultima.
Vedi produttore

Formaggi di media stagionatura

Canederli ai funghi porcini

Coregone con polenta

Prodotti visti recentemente