Rosso di Montalcino DOC 2020 Col d'Orcia


Col d'Orcia

Rosso di Montalcino DOC 2020 Col d'Orcia


Col d'Orcia

Versione :
-
+
€14,50 €16,00
Risparmi il 9%

Vino rosso

18 Disponibile

Gambero Rosso:
2018
1 1 1 Guida Gambero Rosso: 2 Bicchieri "Vino da molto buono a ottimo"
Denominazione: Rossi di Montalcino DOC
Annata: 2020
Regione: Toscana
Tipologia: Rosso
Vitigni: Sangiovese 100%
Colore: Rosso rubino di media consistenza e dai riflessi violacei
Profumo: Intensi e fragranti profumi di frutta rossa, di viole e peonie
Gusto: Voluminoso, ampio, di imperio
Gradazione: 14,5%
Temperatura di Servizio:
16-18°C
Formato: Bottiglia 75 cl
Vigneti: Uve provenienti dalla Collina di Sant'Angelo che guarda il fiume Orcia, a circa 250 metri di altitudine
Vinificazione: Fermentazione alcolica in vasche di acciaio a temperatura controllata con macerazione sulle bucce per 10-12 giorni
Affinamento: 10-12 mesi in botti grandi di rovere di Slavonia e una piccola parte in tonneau e vasche di cemento
Filosofia Produttiva:
Vini Biologici

Il Rosso di Montalcino DOC 2020 è un'etichetta storica della cantina Col d'Orcia. Il Rosso di Montalcino Col d'Orcia è l'espressione più limpida e sincera del Sangiovese in purezza, nella sua giovanile esuberanza fruttata. I vigneti sono situati sulla Collina di Sant'Angelo che guarda il fiume Orcia, a circa 250 metri di altitudine. La fermentazione alcolica in vasche di acciaio a temperatura controllata con macerazione sulle bucce per 10-12 giorni e affina per 10-12 mesi in botti grandi di rovere di Slavonia e una piccola parte in tonneau e vasche di cemento.
Il Rosso di Montalcino DOC 2020 si presenta in un carico rosso rubino intenso e profuma di note di frutti di bosco, ciliegia, erbe aromatiche, macchia mediterranea, cenni ferrosi e leggere sfumature speziate e tostate. Il suo gusto è pulito, teso e di buon corpo, con un asciugante tannino.

Vigna Toscana

Col d'Orcia è una delle aziende storiche di Montalcino, era, infatti il 1933 quando la Famiglia Franceschi, i primi proprietari della tenuta, presentarono il loro primo Brunello alla "esposizione di vini" (Prima Mostra dei Vini d'Italia) tenutasi a Siena. Ma l'azienda ha continuato nel tempo a scrivere la storia del vino. Stefano Franceschini si imparentò tramite matrimonio con la famiglia reale dell'allora futuro Re di Spagna Juan Carlos e successivamente nel 1973 decise di vendere la proprietà alla famiglia Cinzano e oggi la tenuta si estende per circa 180 ettari di cui 108 sono vitati e ciò ha reso Col d'Orcia il terzo produttore più grande nella produzione del Brunello. Vedi produttore

 Formaggi

Formaggi

 Risotto ai funghi porcini

Risotto ai funghi porcini

Carne alla brace

Carne alla brace